Low glycaemic “properties” claims: EFSA brings new hope

Low glycemic “properties” are an industry’s favorite when it comes to sports nutrition, particularly for bars. Though such claims are rather carelessly used in some EU countries, with little official scrutiny, there was concern that claims such as those would not be allowed under Reg. 1924/2006 or would fall outside its scope and hence in a limbo of regulatory uncertainty.

Although the recent batch of EFSA opinions on health claims resulted in several sadly negative opinions, sugar replacers such as xylitol, sorbitol, mannitol, maltitol, lactitol, isomalt, erythritol, D-tagatose, isomaltulose, sucralose and polydextrose came out as clear winners. EFSA’s NDA panel declared that “a cause and effect relationship has been established between the consumption of foods/drinks containing xylitol, sorbitol, mannitol, maltitol, lactitol, isomalt, erythritol, D-tagatose, isomaltulose, sucralose or polydextrose instead of sugar and reduction in post-prandial blood glucose responses (without disproportionally increasing post-prandial insulinaemic responses) as compared to sugar-containing foods/drinks“.

The Panel was apparently convinced that the Regulation’s restrictions on comparative claims as well as art. 3 (“...the use of nutrition and health claims shall not….give rise to doubt about the safety and/or the nutritional adequacy of other foods“, with sugar possibly the loser in this case) did not present a problem, although this may come back at the enforcement level in Member States.

In practice, while the immediate implications of this EFSA opinion vary in different Member States, there is a clear possibility of making “low glycemic” claims on food supplements (e.g., protein with sucralose) and bars with polyols (news which will make many happy).

However, the conditions set by the Panel deserve a careful analysis before using the claims.

– Sports Nutrition Team –

NB: Stevia, which, at the moment, is not allowed anyway, is not in the list.

Advertisements

EFSA: caffeine for sports ok, but not for weight loss

The 8 of April 2011 EFSA’s NDA Panel has published the outcome of the evaluations of a fourth series of ‘general function’ health claims proposed for use on food products.

Only few opinions are positive for sports nutrition. Among these 442 health claims, the most relevant are related to caffeine; in particular  health claims such as ‘Increased alertness’ , ‘ increased attention’, ‘increase in endurance performance’, ‘increase in endurance capacity’, ‘reduction in the rated perceived exertion/effort during exercise’ are now accepted for caffeine. Other positive outcomes are related to resistant maltodextrins ( ‘Changes in bowel function’), Choline (‘ Contribution to normal lipid metabolism ‘) and olive poliphenols  ( ‘Hydroxytyrosol protects LDL particles from oxidative damage’).

Instead most EFSA opinions are negative. It should be noted that all the health claims on ‘reduction of body weight’ related to caffeine and green tea have been rejected. Other negative outcomes are related to several aminoacids such as  L-Arginine, Lysine, Tryptophan and aminoacidic derivatives such as Taurine and Carnosine, particularly interesting are the rejected health claims concerning  ‘management of body mass’  and “improvement of endothelium-dependent vasodilation’ (Arginine),  ‘Contribution to normal protein synthesis’ (Lysine), ‘Maintenance of normal muscle function’ (Taurin). Also Quercetin, Lutein, Alpha Linoleic Acid (ALA), FOS and PUFAs DHA/EPA (Omega 3) received general negative opinions from the Panel.

“The positive opinion on caffeine is important specifically for the benefits which EFSA has recognized within the domain of the Nutrition and Health Claims Regulation, and the standard that it sets.” commented Luca Bucchini, managing director of Hylobates “Though EFSA’s opinions are important when thinking to new products, they should not be the only driving force. EFSA’s processs is welcome when compared to the less than transparent situation in several EU countries; at the same time, it should be noted that EFSA’s approach has been less than consistent between micronutrients and other substances. It is time for the sports nutrition industry to think carefully about the future.”

– Armand and Jacopo, Sport Nutrition Team –

EFSA: la caffeina per lo sport funziona, altre sostanze no

In data odierna il gruppo di esperti dell’EFSA ha pubblicato i risultati della valutazione di 442 claim sulla salute proposti per l’uso nei prodotti alimentari.

Solo poche opinioni possono essere considerate positive nel campo della nutrizione sportiva,  in particolare sono stati accettati claim relativi al consumo di caffeina e aumento dello stato di allerta/attenzione, diminuzione della percezione dello sforzo durante l’esercizio fisico ed aumento della capacità in esercizi fisici di resistenza. Gli esperti dell’EFSA hanno dato inoltre parere positivo per il claim relativo alle maltodestrine resistenti affermando che c’è una relazione di causa effetto tra il consumo di questi carboidrati e il miglioramento della funzionalità intestinale. Altri esiti positivi sono riscontrabili per claim relativi alla Colina (‘contribuisce al normale metabolismo lipidico’) e ai polifenoli dell’ulivo (‘Idrossitirosolo protegge le LDL dal danno ossidativo’).

Gran parte dei claim valutati sono stati respinti, tra cui i principali relativi al consumo di caffeina e tè verde che riguardano ‘mantenimento e controllo del peso corporeo’ non potranno più essere utilizzati per prodotti ed integratori alimentari, a meno che il processo a livello comunitario abbia un esito diverso e solo quando i pareri diventeranno legge, con lo specifico regolamento di attuazione. Nessun parere positivo per quel che riguarda i claim  sugli aminoacidi come arginina, lisina, triptofano e derivati aminoacidici quali taurina, carnosina: infatti i principali claim sulla massa muscolare, attività di tipo tonico e vasodilatazione sono stati bocciati.Numerosi altri claim sono stati valutati e bocciati, in particolare molti relativi a Quercetina, Luteina, Acido Alfa Linoleico (ALA), FOS e i PUPA DHA/EPA (Omega 3) generalmente per carenza di dati sufficienti.

“Non bisogna dimenticare che EFSA ha ampiamente riconosciuto i benefici di vitamina e minerali che sono i tipici principi degli integratori alimentari, anche per lo sport (come per vitamina C e sistema immunitario dello sportivo)” ha commentato Luca Bucchini, direttore gestionale di Hylobates “Per le altre sostanze ha usato uno standard di prova molto diverso e a volte discutibile, anche se riteniamo un processo trasparente e scientificamente qualificato come quello di EFSA sia importante e necessario. Il riconoscimento per la caffeina è importante ed univoco; sarà importante bilanciare l’effetto positivo dei pareri EFSA con la necessità di portare sul mercato prodotti equilibrati, indirizzando attentamente la ricerca. Su un piano più squisitamente tecnico è importante, che con l’opinione sulla caffeina, EFSA ha confermato la possibilità di claim sulla salute nel quadro del Regolamento 1924/2006 riferiti ad attività sportive”.

Le indicazioni fornite dal Ministero della Salute sul proprio sito, fino all’entrata in vigore di un regolamento applicativo (atteso per metà 2012), restano permesse.

– Armando e Jacopo, Sport Nutrition Team –

Aggiornato alle ore 18:03 dell’8/4 con riferimento al Ministero Salute

GABA: a novel food which raises interest and questions

Gamma-aminobutyric acid (GABA) in one of the main inhibitory neurotransmitter in the central mammalian nervous system. It plays a role in helping to reduce mental and physical stress and increase focus, especially during periods of over-excitation. GABA is involved in regulating neuronal excitability throughout the human body, such as the regulation of muscle tone.

It’s well known that GABA’s mechanism of action can be exploited to develop the so called ‘GABAergic drugs’, such as the main anxiolytic drugs, that act as agonist for GABA receptor.

An interesting new trend is to use synthetic GABA also in nutrition, for food supplements or enriched food, as well.  A recent research published in the International Journal of Food Sciences and Nutrition and BioFactors shows an example of possible nutritional application of GABA; Mitsubishi International Food Ingredients, the company that carried out the study,  demonstrates that chocolate enriched with GABA had a psychological stress-reducing effect on its test subjects and increased relaxation and immunity while reducing anxiety. It is unclear whether the addiction a substance with effects on the nervous system in chocolate may bring undesirable effects to the consumer, such as excessive consumption of the product.

Currently GABA is considered as a novel food in the European Union (though the interpretation of novel food law is always a complex matter) and cannot be used in food supplements or foods, but the 29 of September 2010 the Italian company Giuliani SpA, requested to the Food Safety Authority of Ireland the place on the market (point 117 of the list). It should be noted that GABA is used in the United States and may be illegally sold in Europe as well.

For the future, the use of GABA in the formulation of products should be evaluated with attention because of its effects on central nervous system. We recommend being careful.

Armando, Sport Nutrition Team-


GABA: un novel food che suscita interesse e dubbi

L’acido gamma- amino butirrico (GABA) è uno dei più importanti neurotrasmettitori del sistema nervoso centrale dei mammiferi.  Il GABA gioca un ruolo fondamentale nel permettere la riduzione dello stress mentale e fisico e nell’aumentare l’attenzione, in particolare nei periodi di sovreccitazione. E’ inoltre coinvolto nella regolazione dell’eccitabilità neuronale in tutto l’organismo umano, compresa ad esempio la regolazione del tono muscolare.

E’ noto a tutti che il meccanismo di azione del GABA viene sfruttato per la realizzazione dei cosiddetti ‘farmaci GABAergici’, primi tra tutti i principali ansiolitici, che agiscono da agonisti per il recettore del GABA.

Un’interessante recente tendenza è invece quella di utilizzare il GABA sintetico nel campo della nutrizione, sia per la formulazione di integratori alimentari, che per la produzione di alimenti arricchiti. Una recente pubblicazione uscita sulla rivista International Journal of Food Sciences and Nutrition and BioFactors, ha mostrato un esempio di possibile applicazione in campo nutrizionale del GABA; la ; Mitsubishi International Food Ingredients, cioè l’azienda che ha condotto lo studio, ha dimostrato che un particolare cioccolato arricchito con il GABA, ha avuto la capacità di ridurre lo stress psicologico e di aumentare il rilassamento e le difese immunitarie, riducendo l’ansia, nei soggetti sottoposti al test. Non è chiaro se l’aggiunta di una sostanza che agisce a livello del sistema nervoso centrale possa provocare effetti indesiderati per il consumatore, come ad esempio un eccessivo consumo dell’alimento.

Attualmente il GABA  è considerato un novel food dall’Unione Europea (partendo dal presupposto che l’interpretazione della legge sui novel food risulta sempre una questione piuttosto complessa) e  non può essere utilizzato nella formulazione di integratori alimentari o come ingrediente di alimenti, ma il 29 Settembre 2010 l’azienda italiano Giuliani SpA, ha richiesto all’Autorità per la Sicurezza Alimentare irlandese, l’autorizzazione per l’immissione in commercio (punto117 della lista).E’ necessario comunque puntualizzare il fatto che il GABA viene utilizzato negli Stati Uniti e potrebbe quindi essere venduto illegalmente in Europa.

Per quanto riguarda un eventuale utilizzo futuro del GABA nella formulazione di prodotti, tale azione deve essere valutata attentamente, a causa degli effetti a carico del sistema nervoso centrale. Noi raccomandiamo di essere cauti.

Armando, Sport Nutrition Team

Hylobates raccoglie il parere degli esperti in materia di politiche sui micronutrienti per EURRECA, una rete europea di eccellenza

Hylobates Consulting è partner di EURRECA, una rete di eccellenza finanziata dalla Commissione Europea che ha l’obiettivo di elaborare delle linee guida armonizzate per le raccomandazioni nutrizionali su vitamine e minerali. EURRECA sta sviluppando e applicando degli strumenti che aiuteranno l’EFSA, così come qualsiasi altra organizzazione incaricata dell’elaborazione e della revisione delle raccomandazioni nutrizionali su vitamine e minerali (in Italia è la SINU). Il consorzio è composto da scienziati, rappresentanti degli organismi che definiscono le raccomandazioni nutrizionali, le organizzazioni dei consumatori, le piccole e medie imprese e gli stakeholder più importatni di tutta Europa.

Le raccomandazioni nutrizionali ad oggi pubblicate mostrano una notevole diversità fra i paesi europei, nonostante le esigenze fisiologiche delle varie popolazioni siano molto simili. I motivi di questa variazione possono essere riscontare nelle differenze nei concetti e nella terminologia usata per esprimere queste raccomandazioni, negli indicatori dello stato nutrizionale e/o negli indicatori di salute utilizzati da parte di esperti per determinare un adeguato apporto, nei tipi di studi e riferimenti bibliografici utilizzati, ecc. Tuttavia, queste differenze a livello nazionale potrebbe generare confusione fra i decisori politici, operatori sanitari, industria alimentare e consumatori.

Questo è il motivo per cui si rende necessaria l’armonizzazione delle raccomandazioni nutrizionali. EURRECA ha condotto una ricerca su diversi gruppi di popolazioni per identificare i nutrienti per i quali vi è un urgente bisogno di revisione della dose raccomandata. Dieci micronutrienti sono stati identificati, vale a dire vitamina D, il ferro, folati, vitamina B12, zinco, calcio, vitamina C, selenio, iodio e rame.

Tre sono gli obiettivi chiave di EURRECA:

1. Produrre un insieme di standard fornendo una solida base scientifica per stabilire il fabbisogno di micronutrienti e per elaborare le raccomandazioni nutrizionali.

2. Focalizzarsi sulle esigenze di specifici gruppi vulnerabili: neonati, bambini e adolescenti, adulti, donne in gravidanza e in allattamento, anziani, persone con basso reddito e immigrati.

3. Valutare l’impatto dello status socio-economico, l’origine etnica, la variabilità inter-individuale e di vulnerabilità a causa di fattori genetici, fattori ambientali e dei fenomeni epigenetici.

Come membro del consorzio, Hylobates Consulting ha recentemente condotto in Italia una serie di interviste con esperti sulle politiche relative ai folati, allo iodio e alla vitamina D. L’obiettivo delle interviste è stato quello di investigare il processo decisionale relativo alle politiche di questi micronutrienti attraverso la valutazione delle assunzioni fatte nel processo di elaborazione delle politiche, delle evidenze scientifiche e della considerazione dei soggetti interessati e dei consumatori nel processo decisionale (un po’di background qui, purtroppo a pagamento). I risultati delle interviste condotte in Italia, insieme alle interviste degli altri paesi coinvolti, contribuiranno nell’insieme allo sviluppo di uno strumento che aiuti i decisori nello sviluppo di politiche sulla base di raccomandazioni armonizzate per i micronutrienti.

Antonella

Hylobates Science

Questo posto è una traduzione. Il post originale si trova qui.

Hylobates investigates the experts’ opinion on micronutrients policies for EURRECA, an EU Network of Excellence

Hylobates Consulting is a partner of EURRECA, a Network of Excellence funded by the European Commission which has the goal to produce harmonised scientific guidelines for micronutrient (vitamins & minerals) recommendations. EURRECA is developing and applying tools that will help EFSA, as well as any organisation charged with developing and revising nutrient recommendations. The consortium is composed of scientists, representatives of nutrient requirement setting bodies, consumer organisations, small & medium-sized enterprises and wider stakeholders from across Europe.

To date,  published values of nutrient recommendations show a wide variation among European countries despite the physiological requirements of the different populations are very similar. The reasons for this variation may be found in differences in the concepts and sets of terminology used to express these recommendations, the nutritional status indicators and/or health indicators used by scientific experts to determine adequate intake, the types of studies and references used, etc. Nevertheless, these differences at national level might generate confusion for policy-makers, health professionals, food industry and consumers. This is the reason why harmonised recommendations are needed.

EURRECA has carried out a research across several populations groups to identify the nutrients for whom there is an urgent need of review of their recommended intake. Ten micronutrients have been identified, i.e. vitamin D, iron, folate, vitamin B12, zinc, calcium, vitamin C, selenium, iodine and copper.

Three are the key objectives of EURRECA:

1. Deliver an aligned set of standards providing a robust scientific basis for establishing micronutrient requirements and for devising micronutrient recommendations.

2. Focus on the needs of specific vulnerable groups: infants, children and adolescents, adults, pregnant and lactating women, elderly, people with low income and immigrants.

3. Evaluate the impact of socio-economic status, ethnic origin, inter-individual variability and vulnerability due to genetics, environmental factors and epigenetic phenomena.

As member of the consortium, Hylobates Consulting has recently carried out in Italy a set on interviews with experts on folate, iodine and vitamine D on the relevant nutrition policy. The aim of the interviews was to address the policy decision making process related to these micronutrients (background abstract material is available here) by investigating the assumptions in the process of policy formulation, the evidence involved and consideration of stakeholders and consumers in the process of policy making. Results of the interviews from Italy, together with those of the interviews from the other countries participating to the task, will contribute altogether to the development of a tool which will aid policy makers in developing policies based on aligned micronutrient recommendations.

Antonella

Hylobates Science

%d bloggers like this: