Time for work exchange at Hylobates Consulting

Hylobates Consulting has just hosted Liesbeth Dewitt, one of the scientists from the University of Surrey, Food, Consumer Behaviour and Health Department , UK working  in the framework of the EU network of excellence EURRECA which has as goal the alignment of the micronutrients recommendations across Europe.  Liesbeth has spent a whole week at Hylobates and I had the chance to work with her on the results of the qualitative interviews with experts in the vitamin D, folate and iodine policies carried out in 10 European countries, including Italy. Liesbeth and I have had very fruitful “scientific conversations”, we did some brainstorming on the highlights of the interviews  in the perspective of the article to be published in a scientific journal that will result from the qualitative research. Liesbeth is now doing the hard job of writing up the whole paper.

 

Antonella Guzzon-Research Team

Advertisements

Foods for sportsmen to be abolished

With regard to food intended to meet the expenditure of intense muscular effort, no successful conclusion could be reached as regard the
development of specific provisions due to widely diverging views among Member States and stakeholders concerning the scope of the specific legislation, the number of sub-categories of the food to be included, the criteria for establishing composition requirements and the potential impact on innovation in product development“. This is the reason for the European Commission to propose to abolish the category of foods for sportsmen. The proposal is here.

Alimenti per sportivi vicini all’abolizione

La Commissione Europea ha presentato proposta formale di abolizione della categoria “alimenti per sportivi” perché non è stato possibile fissarne le caratteristiche a livello comunitario. La destinazione d’uso per sportivi ricadrà dunque nell’ambito nazionale, secondo l’interpretazione delle norme vigenti, mentre i prodotti saranno ricompresi in altre categorie, dagli integratori agli arricchiti. La proposta dovrà essere vagliata da Consiglio e Parlamento.

US FDA publishes draft guideline on NDI in food (dietary) supplements.

The FDA has just published a draft guidance for US companies, concerning New Dietary Ingredient (NDI) used in food supplement. NDI can be somewhat likened to EU’s novel foods.

The 1994 ‘Dietary Supplements Health & Education Act’ (DSHEA) places an obligation on US companies to notify the FDA, when they want to market an NDI, providing also evidence of safety. Exceptions are ingredients used before 10/15/1994: they are ‘grandfathered in’ and considered safe.

The present guidance tends to maintain this stance, defining  some aspects that were not well clarified before. Ingredients used before 1994 in common foods have to be considered as NDI, if they are now used in food supplements. Ingredients used in food supplement, before than 1994 but outside the USA, have to be considered NDI as well.

Another specification of the present draft guidance is related to the manufacturing process; if it alters the chemical structure or composition of the ingredient, it makes it an NDI.

The draft guidance is open for comment.

Armando Antonelli – Sport Nutrition Team

Pubblicata dall’FDA la linea guida che definisce i Nuovi Ingredienti per Integratori Alimentari (NDI) negli USA.

L’FDA ha pubblicato l’attesa linea guida rivolta alle aziende del settore, che definisce più precisamente quando un ingrediente deve essere considerato un NDI, e cioè un Nuovo Ingrediente presente nelle formulazioni degli integratori alimentari, negli USA. Si tratta di qualcosa di simile alla norma comunitaria sui novel food.

Ciò è importante perché il ‘Dietary Supplements Health & Education Act’ (DSHEA) del 1994, obbliga le aziende americane che hanno intenzione  di immettere nel mercato integratori alimentari contenenti ingredienti nuovi a informare l’FDA di tale azione, allegando anche un certificato di sicurezza. Questo è valido per tutti gli ingredienti nuovi utilizzati negli integratori alimentari dopo il 15 Ottobre 1994. Tutti quelli utilizzati negli integratori, in America e prima di questa data, dispongono di una particolare autorizzazione per cui possono essere usati senza informare l’FDA, che li considera sicuri, in base alla normativa.

La linea  guida appena pubblicata tende a mantenere questa posizione specificando meglio alcuni aspetti, che  non erano ben definiti precedentemente. Infatti la guida specifica ad esempio che gli ingredienti utilizzati prima del 1994 in alimenti comuni, che volessero essere utilizzati negli integratori alimentari devono essere comunque considerati NDI. Lo stesso vale per gli ingredienti che prima del 1994 sono stati utilizzati negli integratori alimentari al di fuori degli USA.

La linea guida specifica, inoltre, che se gli ingredienti anche se già utilizzati negli integratori, subiscono dei processi di produzione che ne alterino la struttura o la composizione chimica  devono essere considerati  allo stesso modo NDI, e i produttori sono tenuti a fornire prove della loro sicurezza, un processo complesso, che non sempre è stato seguito, in particolare per i derivati natural-identici.

C’è però da tener presente che non esistono ‘elenchi ufficiali’ che definiscono gli NDI e che ogni produttore è responsabile di dimostrare se una sostanze è un NDI o meno.

Le linee guida al momento sono in fase di commento.

Armando Antonelli  – Sport Nutrition Team

Hylobates’ director interviewed on the origins of PlantLIBRA and the botanicals meta-database

PlantLIBRA International Innovation Article

In the new issue of International Innovation, Patrizia Restani, PlantLIBRA‘s coordinator, Patrick Coppens, from the European Botanical Forum  and Hylobates’ Luca Bucchini tell about the PlantLIBRA project. As project manager, Luca recounts the origins of the project proposal and one of its key concepts, the botanicals and Plant Food Supplement database. The issue can be accessd on line. The article can also be downloaded, p84-86_PlantLIBRA

– The PlantLIBRA Management Team –

%d bloggers like this: